• Sab. Mag 25th, 2024

Convegno “San Pier d’Arena. Da piccolo borgo a grande centro urbano. E ora quale nuovo modello di città?”- 9 ottobre 2023

DiAmbra Stagnitto

Ott 4, 2023

San Pier d’Arena sta vivendo un momento molto delicato della sua storia, si trova in equilibrio precario tra due scenari, da una parte una situazione di stallo con un quartiere che va avanti per inerzia, con tutti i suoi problemi e dall’altra un quadro peggiorativo con la minaccia del dislocamento dei depositi chimici di Superba e di Carmagnani da Multedo a Ponte Somalia e con nuove servitù infrastrutturali in arrivo. In questo contesto il 9 ottobre 2023, alle 20 e 30, il Gazzettino Sampierdarenese presenterà presso l’auditorium del Centro Civico Buranello il convegno: “San Pier d’Arena da piccolo borgo a grande centro urbano e ora quale nuovo modello di città?”.
A questo convegno, organizzato in collaborazione tra Gazzettino Sampierdarenese e Officine Sampierdarenesi, sono invitati cittadini, commercianti, politici, tecnici, istituzioni, associazioni e comitati civici e quanti hanno a cuore il futuro di San Pier d’Arena. L’incontro è voluto e proposto nell’ottica di essere un’occasione per riaccendere ed alzare il livello di dibattito sulla nostra città, andando a toccare temi strategici come le infrastrutture, il rapporto città – porto, l’urbanistica e la rigenerazione urbana con i conseguenti risvolti sociali ed economici.
Attraverso l’analisi della sua storia, da piccolo borgo a grande centro urbano e del presente di San Pier d’Arena, si cercherà di approfondire le cause del declino e del degrado, per passare successivamente alle proposte per il futuro in termini di rigenerazione, di riqualificazione e di rilancio di San Pier d’Arena e di porre rimedio al grave danno di immagine subito. Insomma, si propone di discutere insieme della nuova San Pier d’Arena in cui vogliamo vivere.
Considerata l’enorme importanza dell’argomento, gli organizzatori si rendono disponibili ad un dibattito “senza limiti di tempo” con la presenza di tutti i soggetti interessati, ragion per cui questo convegno potrebbe essere il primo di una serie di incontri e di confronti da programmare se necessario nel tempo.

Gino Dellachà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *